I primi giorni a casa con il bebè

Il bimbo è nato e con lui sono nati due genitori.

I primi giorni a casa con il proprio bambino sono emozionanti, impegnativi, stancanti, magici…

C’è bisogno di tempo e di tranquillità per imparare a conoscere il proprio bambino e prendere confidenza con il nuovo ruolo genitoriale.

E c’è bisogno di dialogo, vicinanza, sostegno all’interno della coppia. Insieme si muovono i primi passi da mamma e papà… E insieme, è più facile!
Se possibile, sarebbe bello che il neopapà restasse a casa qualche giorno per condividere con la neomamma questi momenti e godersi il suo bambino.
Dopo il parto la mamma deve recuperare energie. Per evitare che la casa sia sempre affollata di persone proprio quando la neomamma avrebbe più bisogno di riposare e restare tranquilla si possono pianificare le visite, indicando a parenti e amici i giorni e gli orari migliori per incontrarsi.
E per non rischiare di essere svegliate proprio mentre ci si concede un po’ di riposo o, peggio ancora, che a destarsi di soprassalto sia il bebè, magari dopo un’ora di tentativi per fargli prendere sonno, conviene abbassare le suonerie, appendere un cartello sulla porta (“Nanna in corso”) e utilizzare una segreteria telefonica.
Magari registrando una frase simpatica: “Ora non posso rispondere, appena il bimbo è tranquillo vi chiamo io”, “Stiamo riposando, ci sentiamo più tardi”.
Inizialmente, soprattutto se il bebè è il primo figlio, la neomamma può trovarsi a fare i conti con parecchi dubbi e incertezze. D’altronde, accudire un neonato è qualcosa di nuovo, c’è bisogno di un po’ di tempo per prenderci la mano.
Un buon punto di riferimento per ricevere informazioni e suggerimenti sono i Consultori, che in molte città organizzano incontri post-parto e sono a disposizione per chiarire i dubbi delle neomamme a proposito di allattamento e, più in generale, di accudimento del bebè.
Alcuni punti nascita mettono a disposizione delle neomamme un servizio ambulatoriale post-parto e/o un numero di telefono dedicato, a cui è possibile rivolgersi nelle prime settimane successive alla nascita.
A volte ad accrescere dubbi e incertezze sono i tanti consigli, spesso discordanti, che si ricevono da parenti, amici e conoscenti.
Ma è fondamentale tenere a mente che nessuno conosce quel bambino più della madre. Insomma, lei è… la sua mamma!
È il bambino stesso che insegna alla sua mamma a fare la mamma. E le insegna a essere proprio la mamma “giusta” per lui!

Ed è vero che “fare la mamma” è qualcosa di nuovo, che non si ha esperienza, che bisogna pian piano imparare, ma è anche vero che le madri sono geneticamente programmate per garantire la sopravvivenza del loro bambino.

Serve un po’ di fiducia. In se stesse e nel proprio bambino.

Neomamma è facile!
Neomamma è facile!
Giorgia Cozza
Suggerimenti da seguire per vivere con gioia e serenità i primi mesi con il proprio bambino.Una piccola guida che unisce il rigore dell’informazione scientifica all’immediatezza di brevi testi e simpatiche vignette: una formula originale per informare, sostenere, ma anche, perché no­, regalare un sorriso a chi la riceve. Diventare mamma è un’avventura meravigliosa e travolgente. Nei primi tempi è necessario un po’ di rodaggio per prendere confidenza con il bebè. Quando il bimbo piange e non sappiamo perché.Quando siamo stanche, anzi stanchissime, e chi ci sta intorno elargisce consigli spesso contraddittori e non ci risparmia critiche antipatiche. È il momento di sedersi. E di aprire questo libro. Neomamma è facile! è ricco di consigli pratici firmati Giorgia Cozza e simpatiche vignette. Conosci l’autore Giorgia Cozza è una mamma-giornalista, specializzata nel settore materno-infantile, autrice di libri per bambini e numerosi manuali per genitori, divenuti un importante punto di riferimento per tante famiglie in Italia e all’estero.È stata relatrice in numerosi congressi per genitori e operatori del settore e ospite di trasmissioni televisive per rispondere a quesiti legati all’accudimento dei bimbi e a uno stile genitoriale ecocompatibile.