capitolo xii

Il bambino interiore

L’odio esiste col passato e il futuro…
L’amore non ha bisogno né di passato né di futuro.
L’amore esiste nel presente.

Osho

Se vogliamo essere genitori consapevoli, dobbiamo avere il coraggio di lasciarci alle spalle le ferite dell’infanzia. Se continuiamo a identificarci con quel bambino che non si è sentito abbastanza amato, continueremo a provare rancore, tristezza o collera. Concentrandoci sul nostro presente di adulti e di genitori ci lasciamo alle spalle un passato doloroso. Non è facile lasciar andare questo bambino. Abbiamo la sensazione di voltargli le spalle. Non si tratta invece di abbandonarlo, ma di permettergli di crescere e di diventare autonomo, di non essere più dipendente dagli altri.


Molti di noi hanno sofferto durante l’infanzia e cercano di non ripetere gli stessi errori fatti dai propri genitori. Concentrandoci su questo rischiamo non solo di esagerare nell’altro senso (essendo troppo permissivi se i nostri genitori sono stati molto severi e viceversa, ad esempio), ma soprattutto di perdere di vista le reali esigenze dei nostri figli, perché rimaniamo concentrati su quelle che erano le nostre esigenze alla loro età. I nostri figli sono diversi da noi. È importante che impariamo a osservarli, ad accettarli e a trovare il giusto modo di interagire, che si trova a metà strada tra le nostre esigenze (attuali) e le loro.


Questo lavoro andrà rifatto da capo con ogni figlio, perché ciascuno di essi è differente, e perché noi stessi siamo diversi in momenti diversi, con un bagaglio di esperienza diverso e in circostanze diverse. L’unico modo per sfuggire ai condizionamenti è concentrarci sul presente: di cosa ho bisogno ora? E di cosa ha bisogno mio figlio? Troviamo un punto d’incontro, adesso. Dimentichiamo come si comportava il fratello alla sua età o come abbiamo agito noi in un’altra occasione. Concentriamoci sul momento presente. In fondo è l’unico che esiste realmente!


Affrontando i nostri fantasmi libereremo noi stessi e anche i nostri figli, evitando di trasmettere loro schemi di comportamento “malati” derivanti dai nostri blocchi irrisolti.

Scrivono Jon e Myla Kabat-Zinn: “Per molte persone, il desiderio più profondo era quello di essere visti e accettati dalla propria famiglia per com’erano, essere trattati con gentilezza, compassione, comprensione e rispetto; essere liberi, sentirsi al sicuro, avere la propria intimità e appartenere alla propria famiglia. Tutto questo dipende dalla capacità di empatia dei genitori. È facile dimostrare empatia ad un bambino quando sta soffrendo. Più difficile è farlo quando urla, lancia oggetti e tira calci. Non è semplice nemmeno quando le sue idee o i suoi interessi sono in conflitto con i nostri. Dobbiamo coltivare la nostra capacità di empatia in una gamma più ampia di situazioni”1.

Mindfulness per genitori
Mindfulness per genitori
Claudia Porta
Suggerimenti ed esercizi per praticare la consapevolezza in famiglia.Una guida per allenare la consapevolezza e vivere con maggiore serenità, lucidità ed equilibrio il rapporto con i propri figli. Essere un genitore consapevole è la chiave per vivere relazioni autentiche e appaganti con i propri figli.In Mindfulness per genitori, l’autrice Claudia Porta vuole fornire un aiuto concreto a tutti i genitori che desiderano rafforzare questa consapevolezza, senza dedicare necessariamente tanto tempo alla meditazione: ogni occasione, infatti, è buona per praticare la mindfulness e sviluppare quell’atteggiamento che consente di vivere il quotidiano con serenità, lucidità ed equilibrio.Uno strumento utile per affrontare quelle situazioni che sembrano sfuggire al controllo, come i capricci dei bambini piccoli, gli attriti con i figli più grandi, le difficili relazioni in famiglia, e ritrovare la pace e lo stato di grazia nel quale si sente di non avere bisogno di un motivo per essere felici.Un libro scorrevole e di facile lettura, che suggerisce esercizi da fare da soli o con i bambini, per godere appieno degli innumerevoli benefici che questa pratica riesce a dare. L’ebook di questo libro è certificato dalla Fondazione Libri Italiani Accessibili (LIA) come accessibili da parte di persone cieche e ipovedenti. Conosci l’autore Claudia Porta è autrice, blogger e insegnante di yoga e di meditazione. Dal 2007 vive in Provenza e cura il blog lacasanellaprateria.com. Organizza anche corsi di yoga e meditazione guidate.